Un trail “in attesa”

dsc_6837articolo di Serena

È passato un mese dal mio mancato trail. Quello che ormai era diventato il mio trail. Mio perché per la prima volta avrei corso in casa in tutti i sensi, sui sentieri amici dove ho trascorso più pause pranzo in assoluto, alla ricerca di angoli di natura e viste mozzafiato, alla ricerca delle fattorie e dell’aria fresca, pulita del Campo dei fiori. L’annuncio del trail è arrivato in un momento in cui non avevo più tanta voglia di correre. La mia non era la crisi del podista, o lo stop dopo un infortunio o la mancanza di obiettivi. Non avevo più voglia di correre dopo che il sogno da poco iniziato di dare ad Anna un fratellino è volato via in un soffio. Agostino per tirarmi su il morale mi ha subito detto: “hai carta bianca, se vuoi correre una mezza o una maratona iscriviti”. Ma io di voglia non ne avevo. Pensavo a Parma ma più provavo a correre e più le gambe erano pesanti, tutto era pesante. Mi sentivo con i piedi attaccati al suolo al punto che più volte durante le tapasciate alla fine camminavo. Poi un giorno al lavoro in una giornata mite ho messo le mie scarpette ed ho provato a correre nei sentieri dove avevo cominciato 6 anni fa, con la complicità di una collega che come un “Virgilio” mi ha guidata alla scoperta del Campo dei Fiori. Più volte mi dicevo di quanto sarebbe stato bello una domenica poter correre attraversando quei boschi che in settimana mi ricaricano dalle giornate pesanti. Ed ecco accontentata. Arriva l’email che aspettavo da tempo: il trail del Campo dei Fiori. Non ho avuto dubbi sulla distanza, visto che l’80% del tracciato già lo conoscevo e da subito sono partite le mie prime spedizioni allenanti, puntando da Velate al Forte di Orino, oppure alle cappelle, oppure al monte tre croci o alla pensione Irma. Con la mia collega “guru” del Campo del Fiori avevamo già stabilito un’uscita per “ripassare” la punta di Mezzo e rodare le gambe su qualche punto un po’ più impervio. L’organizzazione poi è stata formidabile perché dopo avergli scritto un’email mi hanno risposto con tutti i dettagli dei sentieri e punti di scambio per sondare il tracciato negli unici punti che non avevo mai toccato. Insomma avevo studiato tutto alla perfezione e anche se non ero in formissima puntavo a finire i 42 senza velleità di tempo ma semplicemente godendomi il panorama.
Al ritorno delle vacanze avevo stimato di fare un lungo, ma poi un piccolo pensiero si è annidato ed ho rimandato. Giorno dopo giorno si é palesata l’idea che al “mio” trail avrei dovuto rinunciare, nonostante l’avessi atteso da tempo…ma tutto questo a favore di un’altra “attesa” ben più importante, che questa volta spero duri un po’ di più dell’ultima.
Non dico i commenti della nonna Assunta quando le ho detto che non avrei corso al trail, lei che si era iscritta confidando nella mia presenza. Voleva quasi rinunciare anche lei ed è andata avanti forse anche un po’ per me. Era delusa quando é tornata a casa perché era arrivata ultima e non so se è servito dirle che io al mio primo trail (il trincea trail) credo di essere arrivata penultima. Abbiamo insegnato a dire ad Anna: “brava Nonna Assunta che corri!” Aggiungerei ancora “brava nonna Assunta, sei diventata un simbolo”. Ed è bello apprezzare come i ragazzi del nord-ovest ormai l’abbiano in simpatia. Da non trascurare infine, come nelle ultime tapasciate la nonna Assunta come si faccia largo con il passeggino guidato ormai da esperta bella agguerrita tra i camminatori. Qualcuno ci ha già suggerito un campanello o un fischietto, lo vedremo nelle prossime puntate, o almeno è quello che mi auguro, perchè spero proprio di fare ancora un po’ di tapasciate con la nonna Assunta e la piccola Anna, con il passo della “dolce”attesa.
Ringrazio infine l’organizzazione del Campo dei fiori che mi ha permesso di rinviare l’iscrizione all’anno prossimo e anche se sarà difficile preparare la lunga spero di riaprire la mia prossima avventura podistica con il mio tanto atteso trail.
Grazie a tutti!
Serena

Una risposta

  1. forte maria assunta scrive:

    Grazie Serena per rendermi nonna per la quarta volta!!!!!!!!!!!!!!

Ti è piaciuto l'articolo? Perché non lasci un commento?