Aranciolona dalla finestra di casa

Devo esser proprio malata per arrivare a scrivere la mia mancata Aranciolona, anche se preferisco chiamarla la mia Aranciolona sotto le coperte. Doveva arrivare lo streptococco per mettermi KO insieme ai malanni di stagione! La voglia di correre però non è passata, anzi credo di aver desiderato così tanto di correre questa cara tapasciata che ho ripercorso tutti i sentieri e gli angoli di valle che l’anno scorso mi hanno lasciata a bocca aperta. Questa domenica infatti ho dovuto sperimentare le regole della salute, tanto difficili da rispettare quando l’impeto di correre è molto forte, quando i -14° ed il ghiaccio non sono nulla per fermare l’adrenalina. Ci sono tanti buoni motivi per correre in giornate come ieri: preparare una maratona o una mezza, dare prova di coraggio e non essere da meno, sperimentare il trail e portarsi al limite, ma anche ritrovarsi con le 5cascine “davanti al Ramo“ e condividere queste belle follie insieme. A conti fatti non ci sono buoni motivi per stare a casa in una giornata così se non un battaglione di batteri che ha scambiato la mia gola per un parco giochi e le miglior ricette, antibiotico a parte, sono caldo e riposo. Di certo nelle scorse settimane non era così che immaginavo la mia Aranciolona ed ho sperimentato che ci vuole proprio un buon motivo per non correre: recuperare la salute per la prossima corsa. Difficilmente ci si arrende, ma ogni tanto può capitare perché è così la natura della nostra umanità. Immagino per quanti sia stata la prima Aranciolona che sia stata una dura prova: correre praticamente sul ghiaccio, evitare i camminatori e possibilmente le cadute, sentire l’aria fredda tagliare il viso e confidare nel trovare all’arrivo la pasta e fagioli tanto decantata da chi l’ha già corsa. E’ davvero un peccato che il freddo sia arrivato in questi giorni in concomitanza di questa trapasciata, perché è una delle più organizzate, partecipate e sentite nonostante sia soltanto la 4^ edizione. Ma credo che nonostante sia stata una domenica da “stare a letto” se eravate in tanti a correre non sia stata solo una prova di coraggio: in fondo è sempre un’ Aranciaolona e spero che un’altra penna scriva di questa tapasciata, unica nel suo genere, e ci lasci immaginare la corsa oltre il ghiaccio e le incredulità. Già! perché solo chi crede e ama la corsa può andare oltre la neve, anche solo per inseguire il brivido di un piccolo trail, per ritrovarsi nei piccoli paradisi vicino casa che altrimenti non scopriremmo mai e toccare la terra fresca ricoperta di neve e ghiaccio, lasciando le impronte delle nostre scarpe di runners come tante piccole firme del nostro passaggio.

Non potendo uscire di casa ho potuto solo aspettare il ritorno di Agostino per sapere se l’Aranciolona era stata bella come l’anno scorso e credo che proprio grazie anche alla bravura e alla disponibilità della squadra “podismo e cazzeggio” che si è potuto correre ugualmente, nonostante il tempo sfavorevole. Sicuramente una bella giornata di sole senza ghiaccio avrebbe valorizzato ancora di più questo evento che nonostante tutto si è difeso bene e ancora una volta non ha deluso, prova ne è il grande numero di partecipanti che neanche il freddo siberiano è stato in grado di fermare, superando addirittura gli iscritti della mezza maratona di settimana scorsa…e se è accaduto un motivo c’è!
Quanto a me, chi mi conosce bene sa di certo che non stavo a dormire sotto le coperte, ma qualcosa dovevo pur trovare…ebbene sì! sfogliavo le riviste dei runners cercando gli articoli delle corse più belle e cercando ancora le nuove mete di questa primavera, perché quando non si può correre si cerca almeno di immaginare…
Mi è mancato correre ma credo che questa volta sia stato doveroso approfittarne per riposare, recuperare le energie e al tempo stesso mirare ai prossimi obiettivi: la mezza di Lecco e Verona per tutti…e chissà che in questa primavera non si possa aggiungere ancora qualche altra ambizione…

Serena

Foto di Antonio Capasso http://andocorri.blogspot.com/2012/02/050212-olgiate-olona-aranciolona-foto.html
Podismo e Cazzeggio http://www.podismoecazzeggio.it/

Ti è piaciuto l'articolo? Perché non lasci un commento?