37° Maratona di Berlino

di Guzzino

berlino_guzzettiAnche se la maratona si corre con quaranta mila persone, con 1 milione di spettattori è una fottutissima gara contro se stessi. E’ una sfida personale. Devo confessare che quando qualcuno dal pubblico mi urlava “DAI ITALIA”, mi piaceva l’idea di pensare che prima di me qualcun altro con la mia stessa canotta, con le stesse scritte e con qui simbolini identici sia stato riconosciuto e incitato da quell’ignoto spettatore. Nella mia testa mi piaceva pensare che magari qualcuno abbia visto Gabry, poco dopo Claudio, dopo pochissimo Paolo e dopo altri diecimila bagnati e infreddoliti maratoneti abbia visto me e abbia riconosciuto in noi una squadra. Impossibile, ma un pochino mi ha aiutato nei momenti difficili di quest’avventura. Quell’abbraccio finale sintetizza un concetto, ora siamo un gruppo, una squadra. Definitivamente.

Grazie.

berlino_5cascine

di Lele

berlino_poliC’è un momento durante la maratona in cui perdi fiducia, e pensi che potresti non farcela. Maledici il momento in cui sei partito e ti prometti che questa sarà l’ultima. Basta.

Ma la maratona ha in sè qualcosa di magico e quel momento diifficle dura poco.

Leggi canotte e magliette di TerraMia, Born2Run, Runners Desio, Foo di Pee, Runners Bergamo e ti senti un po’ a casa, ti senti in compagnia ogni qualvolta vedi quella bandierina tricolore stampata con amore e orgoglio nazionale su una divisa.

Vedi il calore delle gente che ti incita e i bambini che per 3 o 4 ore non aspettano altro che un runner gli passi vicino per battergli un 5 sulla mano.

berlino_quagliottiPensi che hai un obiettivo che vuoi rispettare e sai benissimo che puoi perdere con chiunque, ma non con te stesso.

Rileggi nella mente una mail che ti ha scritto il giorno prima la tua fidanzata, e questo ti inorgoglisce e ti dà una forza inaspettata.

E continui a correre, uomo.

Un occhio alla strada e l’altro al cronometro. Calcoli, pensieri, emozioni.

Poi può anche succedere che in mezzo a 40mila persone tu riesca ad incrociarti ben 4 volte con un tuo compagno di squadra. E’ una sfida eccitante che si ripete. Ci permette di migliorarci sempre ed è meglio di qualsiasi integratore o allenamento fisico.

Al 38° km comincio ad andare in riserva ed un principio di crampo al polpaccio sinistro abbassa berlino_arninotevolmente l’andatura. Arriva Claudio, ed improvvisamente l’orgoglio, la competizione, la sfida fanno esplodere quella energia mentale che torni a correre come un leone. Grande Presidente.

E’ stata la più veloce Marathon Rain della storia, temevo un pò la pioggia e il freddo, per cui parto con i guanti. A metà percorso decido di disfarmene e li regalo ad un bambino, che con il suo fratellino assisteva alla gara. Vedo i suoi occhi illuminarsi di meraviglia…e spero che un giorno questo bambino deciderà di cominciare a correre.

Distanza totale: 43599 m
Altitudine massima: 121 m
Tempo totale: 03:26:49
Scarica

Ti è piaciuto l'articolo? Perché non lasci un commento?